Storia di un tramonto sull’antico ponte U-Bein

Nella lista delle meraviglie che il Myanmar ha da offrire al mondo, senz’altro non manca il ponte in legno teak di U-Bein, il più antico esistente con queste caratteristiche. La sua costruzione (1850 circa) risale al Regno di Ava, quando Amarapura, città nei dintorni di Mandalay, era ancora la capitale del paese.

Più di mille pilastri di legno, recuperato dall’ex palazzo reale di Inwa, si estendono per oltre un chilometro di distanza attraversando il lago Taungthaman.

Arriviamo ad Amarapura in un tardo pomeriggio di Dicembre, per assistere al tramonto su una piccola imbarcazione di legno.

Avevo letto da diverse fonti riguardo al ponte, cercandomi di informare anche sul posto, ma una volta lì mi sono trovato di fronte ad un’inconveniente: la mia idea era di fotografare gente locale attraversando U-Bein al tramonto, ma la quantità di turisti presenti a quell’ora rischiava di mandare in fumo la scena che mi ero immaginato.

Consiglio:

Anche se capisco che non è facile svegliarsi così presto, in generale l’alba è sempre meglio del tramonto in luoghi così marcati dal turismo. Al mattino presto è più facile incontrare solamente gente del posto e vivere un momento di fotografia e di viaggio più intimo e unico.

Lo scenario di fronte ai miei occhi era fantastico, con il sole, dietro al ponte, che scendeva pian piano sotto l’orizzonte e il cielo s’accendeva di un’intenso color arancione. Una situazione ideale per un bel controluce.

Cercavo una scena genuina, che rappresentasse solo persone locali ma per almeno 10 minuti d’ora dorata non sono riuscito ad evitare di includere turisti nelle mie foto. Poi, dopo diversi tentativi (e molta pazienza) sono finalmente riuscito a fotografare la silhouette di 3 monaci, senza altri elementi a distrarre la scena. Un momento fortunato e felice lungo il mio itinerario in Myanmar.

U Bein bridge sunset

Durante un viaggio, a volte non è possibile rimanere nello stesso posto per tutto il tempo che vorremmo e spesso abbiamo solo una possibilità di sfruttare al meglio queste situazioni. Non sappiamo mai se saremo abbastanza fortunati da poter visitare di nuovo lo stesso posto.

Il tempo corre veloce, ed il mondo è così grande!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Lascia un commento