Guida ai formati di immagine essenziali in fotografia

formatos en fotografia

Sai quali sono i formati di immagine essenziali in fotografia?

 

E’ importante mettere in chiaro fin da subito questo argomento per evitare errori e perdite di tempo, consolidando un flusso di lavoro corretto, in fase di scatto e in post-produzione. Sono disponibili diversi formati e la scelta di usare uno o l’altro dipenderà dall’utilizzo che andrai a fare dell’immagine. Per aiutarti, in questo articolo, ti spiegherò quali sono i formati più importanti per lo sviluppo di una immagine in fotografia, valutando vantaggi, svantaggi e quando vanno usati. Vediamo insieme in dettaglio i formati raw, tiff e jpeg!

separador

RAW

E’ il formato crudo, anche detto ”negativo digitale”.

Dipendendo dal tipo di macchina che stiamo utilizzando lo possiamo trovare sotto le estensioni: .CR2 (Canon), .NEF (Nikon), .ARW (Sony), .RAF (Fujifilm).etc.

 

Vantaggi

– E’ un formato grezzo, non elaborato, senza perdita di informazioni e con elevata profondità di colore. Con il RAW aumentano le possibilità di recupero sull’esposizione, bilanciamento del bianco, rumore dovuto ad alte ISO, cromie, dettaglio e contrasto. Potrai così sfruttare a pieno le potenzialità del sensore e delle ottiche;

Non si sovrascrive, dal RAW potrai convertire un’immagine in altri formati, ma questo file originale rimarrà sempre disponibile per futuri sviluppi digitali.

 

Svantaggi

– Essendo un formato non compresso occupa più spazio. Questo implica la necessità di avere maggiore spazio per archiviarlo sia sulla scheda di memoria della fotocamera che sul computer;

– Senza una scheda di memoria adeguata potrebbero aumentare i tempi di salvataggio in fase di scatto;

– E’ necessario utilizzare un’apposito programma di foto-ritocco per aprirlo e modificarlo. RawTherapee e Darktable sono valide opzioni gratuite. Tra quelle a pagamento troviamo Adobe Lightroom, il plugin Camera Raw di Photoshop e Capture One.

 

Quando usarlo?

Quasi sempre! E’ il formato madre, contiene tutta l’informazione dell’immagine. La base per ottenere risultati di maggiore qualità.

– Non è ideale se ancora non utilizzi programmi di foto-ritocco come Photoshop. Senza svilupparlo non potrai utilizzarlo, ne per stampare, ne per il web.

 

Consiglio:

Se hai appena iniziato a fotografare e non sviluppi l’immagine con un programma, non preoccuparti, è normale! Se ne hai possibilità (schede di memoria grandi, tipo 16 o 32 GB) ti suggerisco di scegliere l’opzione di salvataggio RAW + JPEG. Così potrai aprire facilmente le tue foto in JPEG e tenere da parte i RAW per un secondo momento.

 

TIFF

E’ un formato piuttosto diffuso. Non è possibile sceglierlo sulla fotocamera, per ottenerlo devi convertire con un programma di foto-ritocco un RAW a TIFF.

 

Vantaggi

Non è compresso, senza perdita d’informazioni.

 

Svantaggi

Occupa molto spazio, non è consigliato convertire tutte le immagini a TIFF.

 

Quando usarlo?

– Per immagini da stampare;

– Quando vuoi salvare un’immagine sul computer nella massima qualità.

 

JPEG

E’ il formato per immagini più diffuso al mondo.

 

Vantaggi

– Ha una grande capacità di compressione e per questo motivo è ancora oggi il formato più utilizzato per il web;

Occupa meno spazio sui dispositivi;

– E’ compatibile con la maggior parte dei programmi;

– L’immagine in uscita dalla fotocamera risulta più attrattiva poiché viene elaborata attraverso lo stile di immagine selezionato, con valori predefiniti di nitidezza, contrasto, saturazione e tono di colore, che non si applicano nel caso del RAW (in quel caso dovrai farlo tu con un programma di foto-ritocco).

 

Svantaggi

– E’ un formato compresso, con perdita di qualità. Si potrebbero generare artefatti dovuti alla compressione;

– Permette meno recupero su esposizione, bilanciamento del bianco, rumore dovuto ad alte ISO, cromie, dettaglio e contrasto.

 

Quando usarlo?

– Quando converti immagini per uso web (siti, social media.etc.);

– Per salvare la maggior parte delle immagini sul tuo computer, dato che non è possibile convertire tutto in TIFF per questioni di spazio;

Se sai che, dopo lo scatto, non utilizzerai un programma di foto-ritocco come Photoshop.

separador

 

Questi sono i formati di immagine essenziali che utilizzo regolarmente durante il mio flusso di lavoro in fotografia. Spero che le differenze tra l’uno e l’altro ti siano chiare e ti aiutino a capire quale scegliere in base all’uso che ne andrai a fare.

Se hai ancora qualche dubbio a riguardo puoi scrivermi nei commenti qui sotto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Potrebbe interessarti anche..

Benvenuti nel mio blog sulla fotografia di viaggi!

about nicholas tinelli

Sono Nicholas, un fotografo di viaggi e ritratti con passione per la scrittura.

In questo blog, condivido articoli sulla fotografia di viaggi, la mia esperienza personale, consigli, e informazioni sulle attività che organizzo.

RIMANI IN CONTATTO!